Shhh !!! Una Miss in incognito …

Nascondendomi tra i tacchi, lustrini e costumi di un concorso di bellezza, decisi di accettare questa avvilente sfida.
Avete capito bene avvilente!
Nessuno conosceva la mia vera identità e che non avessi i capelli(anche se tutto hanno notato che questo particolare, diciamo che l'attenzione era rivolta al mio lato B, eccessivamente in carne per il concorso).

Giunta in loco mi divertivo a scrutare le partecipanti, ascoltare i loro sogni le loro aspettavite... e certe richieste assurde in sala trucco; anche se le più divertenti erano alcune delle loro madri, che bullizzando sul mio aspetto fisico mi rendevo davvero conto di quanto scaricassero frustrazioni e sogni nel cassetto sulle loro figlie. Trascorsi i primi giorni tormentati e la voglia di scappare via, entrai nel mood di quel clima, giustificando la mia presenza lì per una scommessa, anche se la mia ansia era da sempre quella sfilata in costume!
Sapevo di essere forte ,ma il momento peggiore accadde durante le prime prove della coreografia, una concorrente mi aveva attaccato sul.fondo schiena l'adesivo di un assorbente e quando me ne accorsi, al termine delle attività, corsi in camera a piangere di nascosto dalle mie compagne di stanze, fortunamente simpatiche!
Il giorno dopo carica come bomba ad orologeria, affrontai la giornata dalle prove al momento fatidico, credetemi tanto folle .Sul quel palco mi sono mostrata per quella che sono , rivolgendo un messaggio di solidarietà contro ogni forma di bullismo. La platea
incredula reagì con un gran pianto, nessuno aveva capito nulla, difatti l'eccezionale prodotto che indossavo era una protesi in CNC, grazie alla quale ho potuto intraprendere tutte le attività serenamente con le mie compagne.
Quel gesto è servito a molti , volevo scuotere la loro coscienza, intenerendo tutte le mie compagne che da subito mi hanno dimostrato il loro affetto e le loro scuse, per essere state eccessivamente superficiali. L'ultima giornata ero contentissima, finalmente ero io, ed era bellissimo parlare con le mie compagne, raccontargli la mia vita, sentendomi tanto" Papà Castoro". Aldilà di quel cinismo che può vestire quelle scene, ho conosciuto delle ragazze bellissime con anime molto profonde, e mi hanno fatto una promessa... in questo impervio mondo della bellezza promettetemi di essere sempre delle donne forti!.
E ricordatevi non esiste forma più invalidante delle menti piccole, per il resto possiamo fare tutto!

 

I commenti sono chiusi